Ultimi commenti
omeyapjago in Knowing&Printing.02
efequtpiwefo in Knowing&Printing.02
arirejaxeyous in Knowing&Printing.02
azopatatl in L'illuminazione di san Rocco
egayeqij in L'illuminazione di san Rocco
eqocuxapu in San Rocco, il cane e il pane
Ultime gallerie
  Licenza Creative Commons

Mauro Bubbico, 11 novembre 2010, ore 13:00

La bellezza degli oggetti dipende dalla loro necessità

32-simmarano-antonio_w440
Antonio Simmarano ha appena finito la manutenzione del segnavento della Chiesa dell'Abbazia fatto installare da lui stesso nel 1976, quando era assessore comunale, in ricordo della fine dei restauri. Settembre, 2010

 

32-simmarano02

La filosofia di vita del mondo contadino è tutta basata sul concetto di riuso. Niente si butta e tutto si riutilizza, e in questo modo la vita delle giovani generazioni è assicurata.
Potrebbe sembrare un concetto costruito esclusivamente sulla materia organico; la stessa filosofia di vita è invece applicabile anche alla costruzione di una macchina agricola.
Nel 1985 Antonio Simmarano, agricoltore diretto di Montescaglioso, per praticare l’agricoltura biologica che gli vietava l’uso diserbanti chimici per combattere le erbe parassite, inventò la macchina adatta allo scopo, mettendo insieme parti meccaniche di altre macchine.

Il patch-work diede origine ad una originale macchina unica nel suo genere, perfettamente funzionante, affascinante per la sincronia delle componenti meccaniche. Un colorato ombrellone e una grossa ventola sul cofano garantivano il giusto refrigerio all’autista e quindi suo completo controllo sulla macchina.
Una straordinaria metafora della vita.

 

32-simmarano01
La macchina di Antonio al lavoro in un campo di ceci














La spandiconcime agganciata posteriormente e opportunamente riempita di grossi tufi controbilancia il peso della parte anteriore dell'aspo e dalla barra falciatrice permettendo di affrantore i dislivelli del terreno

 

32-simmarano03

 

«Come fa la macchina a distinguere la pianta buona da quella cattiva? La pianta cattiva è sempre più alta, fagocita quella buona, le toglie l'aria. Il male è sempre più forte del bene, quindi occorre essere molto svegli. Infatti bisogna cominciare a lavorare con il fresco, molto presto la mattina, con l'avanzare della giornata e della calura estiva con l'ombrellone ripararsi dal sole e con la grossa ventola che azionata spara aria in faccia refrigerarsi, in modo da garantire lucidità e permettere di regolare l'altezza ottimale della barra falciatrice».

 

Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Commenti  

Bravo Antonio
il tuo trattore condizionato è una meraviglia.

Ciao Luciano
Citazione Luciano Piiras il 29 Luglio 2014 alle 17:07

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna