Tonino Nobile, 16 agosto 2014, ore 12:00

184-san-rocco-processione
Tolve, processione di san Rocco. (foto d'epoca)

San Rocco era un pellegrino, ossia uno "straniero".
Un pellegrino, cioé uno straniero, è il patrono del mio paese, quindi: straordinario, anzi miracoloso.
Peregrinando peregrinando, attraversando campi e percorrendo tratturi, Rocco diventò Santo in terra straniera – nemo sanctu in patria? – in un epoca abbastanza buia, quando il diritto internazionale delle genti era affidato alla buona fede.

Proviamo ad immaginarci, infatti, nelle vesti di Rocco: con borraccia, bisaccia, conchiglia, cappello e bordone in giro per il mondo. Mi tremano le gambe! Già mi vedo in un Cie (Centro di identificazione ed espulsione), in un Cda (Centro di accoglienza) o in un Cara (Centro accoglienza richiedenti asilo). Per mia fortuna in Europa ora c'è Schengen e posso circolare liberamente quasi come le merci, ma se vado fuori dall'Europa?
I san Rocco che attraversano le nostre strade sono tanti, clandestini.
Gli atteggiamenti nei loro confronti non sono cambiati: "Se qualcuno vi fa del bene, la lingua lo loda come fosse Dio stesso; se un altro vi danneggia, essa lo paragona a un animale".
A Rocco da Montpellier successe più o meno la stessa cosa, Santo e delinquente, carcere e onore degli altari a seconda, come raccontato nella seguente orazione:

Solista: Ascultati, o cristiani,
chi vi vegnu a raccuntàri:
Coro: ca Santu Roccu fu statu carceratu
fici cinc'anni a li carciari scuri,
d'amici e di parenti abbandunatu
di la Tuscana fu perseguitatu!
Solista: Di la Tuscana fu perseguitatu
da quelli infami tiranni e traditori
Coro: Dicendu ca la pesti 'nda portatu
pè distruggiri la nostra cittati!
Solista: E Santu Roccu ca nci rispundiu
Jeu su mandatu di l'altu di Dèu!
Coro: E pè sanari a tutti li malati
tutta la pesti mi la cogghiu jeu!
Solista: E lu tirannu ca nci rispundiu
Si tu si 'mpamu jeu su cchiù di tia
Coro: Ca s'eri veru mandatu di Dèu
sanavi la piaga chi a la gamba porti!
Solista: E lu pigghiaru e lu ligaru forti
e lu levaru a lu criminàli
Coro: E pè castigu di la so sorti
no 'nci dezzaru pani a mangiari!
Solista: E Santu Roccu ca ndàvia nu cani
nci l'avia datu lu Dèu Onnipotenti
Coro: Quando u so zziu andava a mangiari
nci pigghia lu pani di supa a la mensa!
O chi miraculu daveru divinu
lu cani cibbava lu so pellegrinu!
Solista: Quandu so zziu lu vinni appurari
a la caserma ca nci vozzi andari
Coro: A la caserma ca nci vozzi andari
e cu lu pellegrinu ca vozzi parlari.
Solista: Pellegrinedu tu di vundi si?
di vundi si e comu ti chiami?
Coro: Jeu sugnu nativu di la Francia
e residenti di lu Mompellieri
tuttu lu mundu lu vogghiu girari
su figghiu di Principi e sugnu Cavaleri,
se 'no criditi a la me vuci
guardatimi 'mpettu ca portu la Cruci!
Solista: Quandu u so zziu la Cruci abbistau
di veru cori ca si ripentiu
Coro: Cercau perdunu li lu so peccatu,
e Santu Roccu ca lu perdunau,
e Santu Roccu ca lu perdunau
e 'mparadisu ca si lu levau!
Solista: Chi bella festa, chi bell'apparatu
chi si faci a la nostra cittàti,
Coro: sti soni e canti facimu tutti l'uri
ebbiva Santu Roccu lu nostru Protetturi!
Nui lu cantamu peddavèru
Santu Roccu ndi scanza di pesti e di coleru.
Nui lu cantamu una pe tri voti
Santu Roccu ndi scanza di li terremoti!
Nui lu cantamu e sempi ripetimu
ebbiva Santu Roccu lu nostru Pellegrinu!1

A ben pensarci siamo tutti Rocco, come ci ricorda Albert Camus che nel suo Lo straniero si era assunto il compito di verificare "se una volta messi da parte i Comandamenti e i precetti religiosi, l'attuale generazione riesce a creare una umanità migliore", e rispondeva pessimisticamente: "l'uomo che, gettato nel mondo, è straniero a se stesso, agli altri, al mondo che lo guarda con tenera indifferenza".
Buon onomastico a tutti.

Note
1. http://sanroccoacquaro.altervista.org/index.php?option=com_content&view=article&id=54&Itemid=63

Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook