Ultimi commenti
ohebequuwom in 150x150x150
usnirgiqizu in 150x150x150
Stacy in San Rocco, il cane e il pane
Denise in San Rocco, il cane e il pane
oveqowixi in Matera città futura
kufiyanu in Matera città futura
Ultime gallerie
  Licenza Creative Commons

Mauro Bubbico, 22 agosto 2014, ore 20:00

185-fronda-rosa
Comune
di Montescaglioso, locandina per il programma culturale di agosto.
Mauro Bubbico, 2014.

"Fronda d'ulivo" è una canzone epico-lirica il cui centro di origine è probabilmente da ricercarsi nell'Italia centrale e la cui area di diffusione sinora accertata si spinge nel nord fino in Romagna e in Istria e nel sud fino alla Puglia e alla Basilicata. Nella versione lucana, la protagonista "Fronda d'ulivo", nonostante sia innamorata di Cundu Scielle, riceve dal padre l'imposizione di disporsi alle nozze con Cuntu Maggi. Scapperà la prima notte di nozze per raggiungere il suo amato.

Per il programma culturale estivo di Montescaglioso, si è voluto evocare il mese in cui i giovani scelgono di sposarsi, l'emigrante ritorna per la festa patronale, lo studente fuori sede che ha lasciato la ragazza al paese rientra, il militare parte per la guerra e il partigiano va in montagna. Il titolo, mutuato dal canto popolare, funziona da rimando e omaggio alla civiltà contadina, a quelle "meridionali plebi" escluse dalla storia che Ernesto De Martino ha indagato e, con il suo lavoro, ha portato alla luce per emanciparle.


Fronni d'alia attaccati li triccia
fronni d'alia attaccati li triccia
ca lu tuo padri t'adda a marita'
ca lu tuo padri t'adda a marita'

Fronni d'alia attaccati li triccia
fronni d'alia attaccati li trii'
ca lu tuo padri t'adda a marita'
ca lu tuo padri t'adda a marita'

Ah papa papi chi hammo a maritaja
da papa papi chi hammo a maritaja
ra Cuntu Maggi t'haja da pigghja'
da Cuntu Maggi t'haja da pigghia'

Ah papa papi chi hammo a maritaja
da papa papi chi hammo a maritaja
ra Cuntu Maggi t'haja da pigghja'
da Cuntu Maggi t'haja da pigghia'

Fronda d'olivo raccogliti i capelli / che tuo padre ti deve maritare //
Papà papà chi devo maritare / a Conte Maggio ti devi prendere1

1. Giorgio Adamo (a cura di), Musiche tradizionali in Basilicata. Le registrazioni di Diego Carpitella ed Ernesto de Martino (1952), Squilibri, 2012.


185-arco-sposi
Chiesa di San Rocco, addobbo per gli sposi. Piazza Roma, Montescaglioso, Mt.

Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna