Ultimi commenti
ohebequuwom in 150x150x150
usnirgiqizu in 150x150x150
Stacy in San Rocco, il cane e il pane
Denise in San Rocco, il cane e il pane
oveqowixi in Matera città futura
kufiyanu in Matera città futura
Ultime gallerie
  Licenza Creative Commons

Segni di libri. Uno

Redazione, 20 novembre 2010, ore 13:00

36-segnalibro_ombra
Alberto Lecaldano per Voland

Aggiungi commento | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

L'estate di San Martino

Giancarlo Riviezzi, 19 novembre 2010, ore 13:00

35-fungo_sl
foto Salvatore Laurenzana

Questo cielo terso d'inizio novembre è la tavola su cui il sole può disegnarsi la rotta. Giallo su ciano. Il tepore è quello giusto per far asciugare la terra sotto ai cardi, bisogna andar per funghi prima che sia troppo tardi.

Aggiungi commento | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

La mosca tung-tung

Peppe Lomonaco, 28 ottobre 2010, ore 14:00

 19-tung-tung_bubbico

È tornata alla luce, dopo quasi mezzo secolo, la mosca tung-tung. La si dava per scomparsa. Invece la tenacia e la perseveranza di un oscuro ricercatore di provincia, Agatino Tuturuttù, hanno acclarato ciò che della tung-tung si è sempre sospettato: la sua esistenza.
Arrivò in Europa al seguito delle truppe americane durante il secondo conflitto mondiale. In Italia si propagò in particolare nelle regioni del centro-nord prediligendo le aziende dov'erano i bovi per i lavori agricoli.
In Basilicata la tung-tung si diffuse nei primi anni sessanta del XX secolo, quando i reparti speciali dell'esercito statunitense installarono le rampe per puntare i missili atomici in direzione dei paesi del Patto di Varsavia. La tung-tung prosperò in questa regione per due decenni fino a quando i trattori non soppiantarono i bovi nei lavori agricoli, in special modo nell'aratura dei terreni.

1 commento | Stampa | Invia per e-mail | Condividi su Facebook

Sottocategorie